●COMUNICATI A CONFRONTO:Protezione Civile e Commissione Grandi Rischi

Il giorno prima della riunione ..a L’Aquila,un 4.0 …

da :http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2009/04/comunicato-protezione-civile.shtml?uuid=0686f43c-2367-11de-a810-6464a992e1a0&DocRulesView=Libero

Il 30 marzo «nessun allarme»
per la Protezione Civile

 
 

Ecco il comunicato pubblicato sul sito della Protezione Civile il 30 marzo scorso, in cui si annunciava una riunione della Commissione Grandi rischi per il giorno dopo, con l’obiettivo di fare una analisi della «frequente attività sismica» registrata nella provincia dell’Aquila dall’inizio dell’anno. Nella nota si precisa che, al 30 marzo, «non è possibile prevedere in alcun modo il verificarsi di un terremoto e che non c’è nessun allarme in corso da parte del Dipartimento della Protezione Civile, ma una continua attività di monitoraggio e di attenzione»

Il testo del comunicat0
«Su richiesta del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso, con l’obiettivo di fornire ai cittadini abruzzesi tutte le informazioni disponibili alla comunità scientifica sull’attività sismica delle ultime settimane è stata convocata domani, 31 marzo, all’Aquila, alle ore 18,30 presso la sede della Regione Abruzzo, una riunione degli esperti della Commissione Nazionale per la Previsione e la Prevenzione dei Grandi Rischi.

All’incontro, finalizzato all’analisi della frequente attività sismica registrata nella provincia dell’Aquila dall’inizio del 2009, parteciperanno, tra gli altri, il prof. Franco Barberi, presidente vicario della Commissione, il prof. Enzo Boschi, presidente dell’INGV, il prof. Gian Michele Calvi, il prof. Claudio Eva e il Vice Capo Dipartimento, prof. Bernardo De Bernardinis.
È utile precisare che non è possibile prevedere in alcun modo il verificarsi di un terremoto e che non c’è nessun allarme in corso da parte del Dipartimento della Protezione Civile, ma una continua attività di monitoraggio e di attenzione.

Secondo l’Ingv, ente preposto alla sorveglianza della sismicità del territorio nazionale, le scosse avvertite dalla popolazione in data odierna fanno parte di una tipica sequenza di terremoti, del tutto normale in aree sismiche come quella dell’aquilano che, negli ultimi mesi, ha registrato quasi 200 eventi, la maggior parte dei quali non avvertiti dalla popolazione».

01-04-2009

ISORADIO del 1° aprile 2009
Allerta meteo del Dipartimento della Protezione Civile al nord; riunione tecnica della Commissione Grandi Rischi, ieri, a L’Aquila

 

La perturbazione che nella giornata di ieri ha interessato la Sardegna, ha raggiunto nella notte le regioni del nord Italia e determinerà una fase persistente di maltempo.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso ieri un avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra ed estende quello diffuso nella giornata di lunedì e che prevede  l’arrivo di precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale localmente di forte intensità, sulle regioni del nord, in particolare sul quadrante nord-occidentale, sull’Emilia Romagna e sull’area del  medio versante tirrenico.
Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile.
Andiamo ora in Abruzzo, precisamente a L’Aquila dove ieri si è tenuta una riunione tecnica della Commissione Grandi Rischi cui hanno partecipato, tra gli altri, il Vicecapo Dipartimento della Protezione Civile, Bernardo De Bernardinis, il Prof. Barberi ed Enzo Boschi, membri della Commissione, oltre all’Assessore alla Protezione Civile regionale, Daniela Stati e al sindaco dell’Aquila, per fare il punto sulla sequenza sismica registrata nella zona negli ultimi mesi e fornire alla cittadinanza tutte le informazioni utili a scansare allarmismi divulgati con troppa approssimazione. De Bernardinis ha ricordato, infatti, che bisogna saper convivere con le caratteristiche dei territori e mantenere uno stato di attenzione sì, ma senza avere uno stato di ansia. La comunità scientifica, inoltre, ha confermato che non c’e’ pericolo perché il continuo scarico di energia, riduce la possibilità che si verifichino eventi particolarmente intensi. Nella notte è proseguito lo sciame sismico con una lieve scossa, di carattere strumentale, lievemente avvertita dalla popolazione nei comuni di Collimento, Villagrande e L’Aquila. Il movimento tellurico non ha prodotto danni a persone o cose ed è stato registrato alle 03.44 con magnitudo 1.8.

COMUNICATI STAMPA PROTEZIONE CIVILE

Ufficio Stampa del Capo Dipartimento
Tel. 06/68202373 – 68202409   Fax 06/68897723 – 68202404
ufficio.stampa@protezionecivile.it

——————————————————————————————————————————————– 

VERBALE COMMISSIONE GRANDI RISCHI - 31 Marzo 2009

VERBALE COMMISSIONE GRANDI RISCHI - 31 Marzo 2009

verbale_commissione_grandi_rischi

ndr: sul sito della Protezione Civile non è più possibile trovare alcuna traccia del comunicato stampa rilasciato in data 31 Marzo,a conclusione della riunione Grandi Rischi.Dal link a tale comunicato ,presente sul sito del SOLE24ore  proposto come riferimento in incipit a questa pagina,si viene dirottati ad un estratto del Decreto Terremoto in Abruzzo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...