IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DEL COMUNE DI L’AQUILA

ATTO PRIMO : Bozza di un memoriale

L’Assessore alla Protezione Civile del Comune di L’Aquila,Roberto  Riga , smentendo in questi giorni  le affermazioni veritiere del Presidente della Fondazione 6 Aprile per la Vita, Dott. Vincenzo Vittorini, ha dichiarato alla stampa che il Piano di Protezione Civile è stato messo  a disposizione e opportunamente divulgato alla popolazione.

Ecco la nostra  storia…affinché diventi “vostra”.

****************

Nella seconda metà di agosto 2010,Monica Pilolli ( per  EPPURSIMUOVEAQ) si reca nell’ufficio dell’Ing.  Di Gregorio  per chiedere adesione in qualità di relatore ad un convegno programmato per  sabato 4 settembre, al fine di illustrare il Piano di Protezione Civile del Comune di L’Aquila. L’Ing. Di Gregorio dichiara di non essere disponibile per quel giorno. La ragazza propone allora di intervenire in un secondo convegno,già programmato per  sabato 23 Ottobre.

L’ingegnere garantisce la propria disponibilità e la  invita a ripassare in ufficio circa un paio di settimane prima della data prefissata  per concertare i dettagli .

Natalia De Luca e Monica si recano presso l’ufficio dell’Ing. Di Gregorio come concordato  circa 10 gg prima del convegno, ma l’ingegnere non intende neanche riceverle  e a mezzo segretaria interposta  comunica che non potrà essere presente in quanto il convegno si svolgerà di sabato..”e il sabato ,non si puo’”.

Le ragazze vengono  dirottate allora all’Ing. Fabrizi…che tramite segretaria  le  dirotta a sua volta alla segreteria dell’Ass. Di Stefano..dalla segretaria dell’Ass. Di Stefano vengono indirizzate all’Ass.Riga…che però, ahimé quel giorno è proprio impegnato(si sposa) e non puo’ essere presente come relatore. Si accolla tuttavia  l’impegno di trovare un sostituto. Fornisce il numero di telefono dell’Ing. Amorosi ,che evita di  rispondere  nell’arco di 2 giornate di telefonate insistenti. Il giorno 09 Ottobre 2010 durante la manifestazione Eurochocolate le due ragazze incontrano casualmente  il Sindaco Cialente, a cui espongono la necessità di reperire un funzionario comunale che illustri il Piano di Protezione Civile Comunale al convegno in programma per il 23 ottobre e la pessima figura in fieri dell’amministrazione comunale aquilana non  in grado di trovare un responsabile per illustrare un atto pubblico alla popolazione.

Il sindaco Cialente fornisce il numero della Dott.ssa Mariangela Ruzza.

La Dott.ssa Ruzza nell’arco di 24 ore individua nell’Ass. Vladimiro Placidi l’unica persona disponibile ad accollarsi l’onere.

L’Ass.Placidi viene contattato telefonicamente da Natalia per prendere accordi piu’ precisi sul convegno . Nel corso della telefonata l’Assessore tiene a sottolineare piu’ volte di non essere competente sulla questione  e che quindi si limiterà a leggere il documento nel corso del convegno.

Al convegno l’Ass. Placidi è accompagnato dall’Ing. Amorosi.

Durante il convegno,ecco in che modo il piano di emergenza è stato illustrato.

(video – Osservazioni:

1) nessuno dei due relatori spiega correttamente la differenza tra le varie tipologie di aree di emergenza

2)L’Ass.Placidi dichiara,in seconda battuta ,che il piano è stato aggiornato con nuove cartografie.Al Comune di queste nuove cartografie non v’è traccia.Inoltre,L’ Ing.Di Gregorio ,ha asserito che l’aggiornamento del piano sarebbe stato fatto per legge al termine del periodo decretato per lo stato di emergenza ( 31 dicembre 2010),cioè oltre due mesi dopo la data in cui si è svolto questo convegno.

L’Ass. Placidi  fornisce in quel contesto la seguente documentazione:

-verbale  della delibera comunale  di approvazione del la parte C del piano;

-parte C del piano (modello di intervento).

L’Assessore precisa di non aver portato con sé la documentazione completa ,ma specifica che sarà possibile richiedere direttamente all’ufficio competente le parti mancanti.

Nei giorni successivi Natalia e Monica si recano presso l’”ufficio emergenza sisma e ricostruzione” il cui responsabile è l’Ing. Di Gregorio.

Memori dell’esperienza precedente le ragazze si recano direttamente dalla segretaria per chiedere la documentazione necessaria.

La segretaria dice: ” Il piano di protezione civile? Non ne so niente. Provate a rivolgervi ai “tecnici””.

Dai  tecnici , le due vengono indirizzate  al settore Urbanistica.

Ma  da qui di nuovo rinviate all’Ufficio dell’Ing. Di Gregorio.

A quel punto la segretaria le introduce nell’Ufficio dei geometri (Pelliccione, Vallese et al , gruppo di lavoro redazione piano) . Qui il geom. Vallese inizialmente dice di non sapere nulla relativamente all’esistenza del piano di protezione civile. Poi messo di fronte all’evidenza di  essere uno dei redattori del piano stesso,   si attiva per tentare di reperire quanto richiesto. Recupera  pertanto le carte dei rischi in formato pdf e prova a cercare nell’archivio il corrispettivo cartaceo,oltre alle parti A e B del piano.

Non trovando il materiale, dice che probabilmente il piano è rimasto negli uffici di via Sassa che devono ancora essere sgomberati dopo il terremoto ma che una copia è comunque presente in Regione.

Non soddisfatte di questa risposta le due ragazze si recano dall’Ass. Riga il quale  promette che di lì ad una settimana avrebbe fatto trovare a disposizione il materiale richiesto.

Per cui,di lì ad una settimana,prima di recarsi al Comune, le due contattano telefonicamente l’Ass. Riga per avere conferma che il materiale fosse pronto.

L’Ass.risponde di aver dimenticato l’appuntamento e di non poter  ricevere le due ragazze in quanto impegnato in un consiglio comunale,ma farà preparare il materiale per il giorno successivo, pregandole  di recarsi dalla  Sig.ra Marina Piergiovanni .

Il giorno successivo Monica si reca dalla suddetta Signora,la quale dichiara di non aver ricevuto alcuna disposizione da parte del’Assessore. Dopo aver contattato l’Ass.al telefono,  Monica viene indirizzata presso l’Ufficio  di Gabinetto del Sindaco a ritirare una copia della documentazione mancante,dettagliatamente specificata,dove a riceverla c’è la  sig.ra Lorella Reato.

Giunta sul luogo indicato,la Sig.ra Reato presenta copia parziale incompleta,identica a quella fornita dall’Ass.Placidi durante il convegno.

A questo punto Monica chiede alla signora di poter visionare l’intera cartella relativa alla delibera comunale di approvazione del modello di intervento per  vedere se vi fosse anche altra documentazione utile. Nulla.

Monica si reca di nuovo all’Ufficio dell’Ing. Di Gregorio e dopo aver atteso il proprio turno entra chiedendo delucidazioni sulla documentazione mancante. L’Ingegnere la rimanda ai geometri già consultati  con esito negativo. Monica fa presente l’inopportunità del  tentativo di rimbalzo . Di conseguenza Di Gregorio convoca nel proprio ufficio il geom. Vallese chiedendo delucidazioni sulla reticenza dimostrata in una precedente occasione  riguardo le informazioni richieste,invitando il geometra a recarsi presso la sede di Via Sassa dove l’Ingegnere ribadisce essere custodita la documentazione. Il geometra asserisce di essersi  già recato nei giorni precedenti presso la sede indicata e di non aver trovato nulla. Di Gregorio a questo punto chiede a Monica a che titolo sia lì per porre domande. Monica ribadisce di essere una semplice cittadina in diritto di conoscere il piano di protezione civile e coordinatrice di un gruppo di divulgazione scientifica al cui convegno lo stesso ingegnere ,invitato, non ha inteso partecipare. Monica chiede di poter ricevere una dichiarazione sottoscritta dallo stesso riguardo la correttezza della redazione del piano e l’esistenza delle parti mancanti ,non reperite in quel contesto,presso gli uffici  comunali.

L’Ingegnere  liquida Monica dicendo che il fatto che sia potuta entrare nel suo ufficio costituisce già una eccezione in quanto il medesimo è solito ricevere solo per appuntamento . Monica sottolinea come già in un precedente colloquio  programmato non sia stata ricevuta, previo appuntamento. L’Ingegnere invita Monica ad accomodarsi fuori e a prendere appuntamento con la segretaria. Monica attende che la segretaria esca fuori dall’Ufficio dell’Ingegnere, chiede di poter prendere appuntamento,la segretaria rientra nell’ufficio ed esce dopo alcuni minuti dicendo che l’Ingegnere al momento non puo’ fornirle la propria agenda perché  impegnato e invita Monica a  lasciare i propri recapiti in modo da essere ricontattata.

Monica lascia nominativo e numero di cellulare chiedendo indicazioni sulla tempistica. Essendo giovedì (11 novembre 2010),la segretaria risponde che sicuramente il contatto sarebbe slittato a lunedi. Allo stato attuale, stiamo ancora aspettando di essere ricontattate.

Monica,in presenza di Natalia, consegna  a proprio nome  una formale richiesta di accesso agli atti ( ex L. N.241 del 1990 e successive modifiche e integrazioni) ,al fine di reperire documentazione completa e prodromica all’elaborazione di tali atti,protocollata in data 3 Febbraio 2011 ,all’attenzione della Segreteria Generale, del  Sindaco, dell’Assessore alla Protezione Civile, del Dirigente Settore Opere Pubbliche del Comune di L’Aquila.

 In data 8 Febbraio 2011 ,alle ore 16.11, Monica riceve una telefonata semi-intimidatoria dal numero : 0862410738 , voce riconducibile alla Signora Lorella Reato che ,dopo aver arrogantemente richiesto spiegazioni sulla richiesta presentata e su “ che cosa si andasse trovando”,ha dichiarato di non aver a disposizione la documentazione richiesta ( in base a cui lo stesso piano di protezione civile sarebbe stato elaborato o approfondimenti derivanti da convenzioni stipulate dal Comune con altri Enti, al fine di perfezionare il piano). Si è attualmente in attesa di formale convocazione e risposta da parte del Comune.

 In fede, Natalia De Luca e Monica Pilolli

L’Aquila,23 Febbraio 2011.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...