1999 “AMPLIFICAZIONE NEL CENTRO STORICO”-COMUNE DI L’AQUILA E REGIONE ABRUZZO SNOBBANO IL PROGETTO/SEGNALAZIONE…ed ora?

25 NOVEMBRE 1999 – Scrive R.De Marco (  ex direttore del Servizio Sismico Nazionale SSN e contemporaneamente nel consiglio direttivo del GNDT -Gruppo Nazionale Difesa Terremoti):
“Ho avuto modo di leggere un’intervista da Lei rilasciata sul giornale a diffusione locale “Il Centro” del 25 Novembre nel quale Lei rilascia alcune dichiarazioni riguardanti la sismicità del territorio.Dichiarazioni sostanzialmente analoghe sono state da Lei rese nel corso di un’ intervista televisiva su una rete locale ad ampio ascolto.Le contesto il comportamento da Lei assunto per aver partecipato,dichiarando la qualità di Funzionario del Servizio Sismico Nazionale,alla suesposta attività d’informazione senza aver ottenuto da me e dal Suo dirigente autorizzazione.Resto in attesa di una nota giustificativa del suo comportamento e la invito ad operare una precisa smentita sull’essere,tali dichiarazioni,in qualche modo collegabili con il punto di vista del Servizio Sismico Nazionale sull’argomento e sui risultati delle attività condotte dal Servizio stesso in Abruzzo.”

Nella risposta del Dott.De Luca,inviata in data 29 Novembre 1999,si fa riferimento  all’evento 4.1 del 20 Ottobre 1996 ,grazie a cui emerse in tutta la sua gravità il problema dell’amplificazione nella risposta sismica  del centro storico di L’Aquila .

Il Dott.De Luca ricorda nella lettera che già dal 1995 si era tentato di risvegliare l’interesse della Regione Abruzzo riguardo lo stato di abbandono della rete sismica regionale,essenziale per un monitoraggio intensivo capillarizzato ed il riscontro di eventuali anomalie  in atto.

In seguito all’analisi dei primi dati raccolti , De Luca ed il Prof.Scarpa presentarono al  Comune di L’Aquila, Provincia di L’Aquila e Regione  Abruzzo parallelamente 3 progetti,in collaborazione con 3 istituti di ricerca internazionali(USGS,Inst.Andaluz Geofisica Granada ,ENS Parigi) e con il Servizio Sismico Nazionale SSN e l’ENEA.L’esito fu che la Provincia contattò telefonicamente il prof.Scarpa per un successivo incontro ,Comune e Regione non ritennero di dover rispondere neanche con una lettera.All’epoca al Comune in particolare governava un’amministrazione di centro-sinistra che si avvaleva di  assessori  contemplati anche nell’organico del Gruppo Nazionale  Difesa Terremoti  GNDT  presso la Regione Abruzzo.Ricordiamo che anche il Dott.De Marco  oltre ad essere direttore del SSN ,apparteneva al consiglio direttivo del GNDT.

A seguito dell’incontro con la Provincia di centro-destra ,venne convocata una conferenza stampa  in occasione della quale scattò la segnalazione al Dott.De Marco da parte di zelanti vedette in loco..e la conseguente censura.

6 Aprile 2009,dieci anni dopo, 308  morti,vittime di  criminali giochi politici trasversali.

Dopo l’evento di magnitudo 6.3,considerato un terremoto appenninico PICCOLO, il disinteresse delle Istituzioni è rimasto inalterato,sia nei confronti della rete di monitoraggio regionale,sia nel considerare  la  gravità degli effetti di amplificazione di sito,riscontrati ad oggi non solo nel centro storico .

Dieci anni dopo,308 vittime…le amministrazioni continuano sulla strada dell'”ignoranza consapevole”….e premono per una ricostruzione inconsapevole.

Il terremoto più prossimo..è passato o è futuro? 

Qui il progetto presentato al Comune (identico al documento presentato alla Regione),per l’avvio di una campagna di microzonazione …10 anni fa.

Nella variante presentata alla Provincia,si chiedevano solo finanziamenti per progettazione e realizzazione di una rete di 5 dilatometri da pozzo(strumento atto a misurare le deformazionI volumetriche delle rocce,usato ad esempio per raccogliere dati al fine di consentire in futuro una previsione a breve termine delle esplosioni vulcaniche più violente)

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “1999 “AMPLIFICAZIONE NEL CENTRO STORICO”-COMUNE DI L’AQUILA E REGIONE ABRUZZO SNOBBANO IL PROGETTO/SEGNALAZIONE…ed ora?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...