Risposta all’art.del ricercatore Ciccozzi

http://www.abruzzo24ore.tv/news/Catastrofe-e-tranelli-scientifico-ideologici/18612.htm

Buon giorno Dott.Ciccozzi,dopo essere stata invitata (da alcuni sconcertati membri del gruppo EPPURSIMUOVEAQ –database di divulgazione scientifica riguardo il terremoto aquilano, che vede la sottoscritta e la Dott.ssa Natalia De Luca in qualità di coordinatrici)a leggere il Suo articolo ,le successive risposte del Dott.Marzocchi e del Sig.Petrilli e la Sua ulteriore replica, concordo nel definire le Sue osservazioni non solo superficiali ma fin troppo poco attinenti a quanto emerso da valutazioni tecniche sulla realtà locale. Non è un caso,forse ,che siano state riportate nella sezione “politica “ e “cronaca” ..e non nella categoria “scienze”.Premesso questo,mi permetto di suggerirLe un’analisi più accurata e meno “di pancia” della risposta del Dott.Marzocchi riguardo le variabili che caratterizzano univocamente ciascun terremoto e che rendono pertanto ciascun terremoto non propriamente confrontabile con un altro evento sismico;La invito a scardinare la convinzione che i danni siano correlabili alla distanza dall’epicentro (L’Aquila è stata fortunata ad aver avuto un epicentro localizzato a così breve distanza-rif.effetti di amplificazione locale alle basse frequenze e componenti distinte dell’”onda sismica”);La invito altresì ad approfondire la Sua infarinatura in materia anche attraverso il sito della Scuola Sisma (Univ. Chieti) o attraverso i vari convegni scientifico-divulgativi che stiamo da oltre un anno organizzando. Il 6.3 è stato a ragione definito da sismologi come un terremoto appenninico piccolo .La vulnerabilità fortemente localizzata e disomogenea,a cui fa rif. Petrilli,è reale e non è un caso che si stiano attuando indagini di microzonazione fondamentali per valutare il “dialogo” tra un edificio e la base geologica su cui la struttura poggia.Il database di risentimento macrosismico dell’INGV a cui noi cittadini  spesso contribuiamo  come liberi reporters puo’ essere un valido strumento di indagine preliminare.Queste affermazioni sono supportate da innumerevoli pubblicazioni scientifiche che non Le sarà difficile reperire anche semplicemente online.Ogni affermazione scientifica in quanto tale è opportunamente “testata a più mani” e poggia su una pietra miliare donataci dal buon Galileo:il metodo scientifico. La invito a leggere attentamente il verbale della commissione grandi rischi ed il successivo comunicato stampa/politico.Noterà tra l’altro il salto logico dal “nulla si puo’ dire” a “questo mi consente di rassicurare la popolazione” che ad un attento ricercatore/osservatore come Lei non dovrebbe essere sfuggito.Il vulnus che il Dott.Marzocchi consapevolmente evidenzia,è stato motivo di creazione del nostro gruppo ed il coinvolgimento della stampa affinché riporti correttamente i contenuti emersi durante le nostre attività risulta essere di basilare importanza..i lettori pian piano “educati” iniziano ad apprezzare..e a discernere la differenza tra scienza e sciamanesimo.Sarebbe auspicabile che ricercatori in ambiti peri e para sociologici affrontassero il problema nel proprio limite di competenza,astenendosi dal filosofeggiare per puro esercizio accademico ,contribuendo così a rafforzare il mare magnum di pseudo conoscenze ,millantante come competenti ,di cui la nostra popolazione è da tempo vittima. Ricordo inoltre che l’analisi di fenomeni naturali nelle forme più elementari è prerogativa della Fisica (da fusis= natura) che ha separato il suo percorso dalla Filosofia sin dal lontano 1600.Convinta di una Sua più profonda riflessione in merito a quanto dibattuto ,anche in nome dell’elevata qualità intellettuale dei ricercatori del nostro ateneo tanto efficacemente sponsorizzata,La saluto cordialmente.Monica Pilolli

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...